R06 Red Bull Ring - Report di Gara 1
- FIA Formula 2 -

30 Giugno 2018

Foto 1 - R06 Red Bull Ring - Report di Gara 1

Il complicato fine settimana del team PERTAMINA PREMA Theodore Racing è continuato oggi al Red Bull Ring con la prima gara del FIA Formula 2 Championship sulla pista austriaca, nella quale entrambi i piloti sono stati colpiti da circostanze esterne. Nonostante i passi avanti rispetto alla qualifica, e l'ottima performance mostrata, Nyck De Vries non ha potuto concretizzare l'ottimismo per la gara. L'olandese, toccato da un avversario, ha pagato la foratura della posteriore destra e, tornato ai box, si è ritirato. L'obiettivo, risparmiare le gomme in una corsa già compromessa in vista di gara 2.

A Sean Gelael, che seguiva la medesima strategia affrontando uno stint iniziale lungo su gomme prime, sono costate carissime le due situazioni di safety-car verificatesi, in particolare la seconda che ha ricompattato il gruppo pochi giri prima della sua sosta. Alla fine, uscito dai box nelle retrovie, ha chiuso quattordicesimo.

# 3 - Sean Gelael

"Penso che la nostra strategia si sia rivelata sbagliata per via di quello che è successo in gara. Il nostro passo era buono e la performance competitiva. Credo anche che ci sia ancora del potenziale inespresso per domani. Abbiamo visto che durante la gara si crea del degrado e penso che gara 2 possa diventare molto interessante con tre zone per usare il DRS."

 

# 4 - Nyck De Vries

"Pensavamo di aver eliminato tutta la sfortuna dopo la qualifica al Paul Ricard, ma evidentemente alla fine ne era rimasta ancora un po'. Che posso dire, non abbiamo sbagliato nulla e le cose stavano funzionando bene. Penso che qualcuno mi abbia toccato quando ero al punto di corda di curva 3 e ciò ha causato una foratura. Dato che eravamo partiti con gomme prime, non aveva senso continuare rischiando di compromettere anche la gara di domani."

Foto 2 - R06 Red Bull Ring - Report di Gara 1

Giugno 2018

Archivio 2018

Seleziona anno

Ravenol Sparco Brembo Koni Gullwing
REAL SCHUBERTH NARDI ERREA ACRONIS